I Falchi della Notte, Bruce Malmuth 1981

I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981 | the 80s database
I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981

I Falchi della Notte (Nighthawks) è un film del 1981 diretto da Bruce Malmuth e interpretato da Sylvester Stallone, Billy Dee Williams, Rutger Hauer, Nigel Davemport e Persis Khambatta.

Poliziesco vecchio stile e per certi versi profetico, I Falchi della Notte è un film ricco di azione che risente inesorabilmente delle tante difficoltà vissute in fase di lavorazione e, soprattutto, di montaggio.

Tuttavia, ebbe un buon successo, mise in luce le grandi capacità di Rutger Hauer e nel corso degli anni è diventato un vero e proprio cult-movie.

Dopo un attentato dinamitardo a Londra Heymar Reinhardt alias Wulfgar, un terrorista senza scrupoli e padrone, punta al grande obiettivo: New York, sede delle Nazioni Unite.

L’Interpol prova a braccarlo, ma il terrorista si dimostra un osso molto, molto duro.

Fino a quando la questione non diventa personale con Deke DaSilva, un detective specializzato in appostamenti e dotato di un fiuto eccezionale.



I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981 | the 80s database
I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981

La storia su cui si basa I Falchi della Notte era in realtà stata scritta per il terzo capitolo de “Il braccio violento della legge” e vedeva Popeye Doyle questa volta affiancato da un maldestro poliziotto. Gene Hackman rifiutò di interpretare nuovamente il ruolo del protagonista e allora la Universal chiese all’autore della sceneggiatura, David Shaber, di modificarla per realizzare un altro film. Che, scremato dei riferimenti a The French Connection, avrebbe dovuto avere come titolo “Attack!” Per poi divenire, in corso di lavorazione, Hawks e, uscire infine nelle sale col titolo di Nighthawks.
Il film non partì col piede giusto: Gary Nelson, a cui era stata affidata la regia, venne fatto fuori pochi giorni prima dell’inizio delle riprese. Prima che Bruce Malmuth prendesse in mano le redini della pellicola passarono alcuni giorni in cui le riprese, che prevedevano la fuga di Wulfgar nella metropolitana di New York, vennero affidate a Stallone che, anche in seguito, mantenne una certa influenza sul film.
Quando vide Hauer correre a tutta velocità senza mostrare grandi segni di affaticamento, Stallone capì subito di avere di fronte un antagonista serio, preparato e ambizioso. Hauer, alla sua prima prova hollywoodiana, aveva accettato di partecipare al film con grande entusiasmo e apparve subito molto determinato nel dare alla sua parte, peraltro ispirata al famigerato terrorista Carlos, una forte personalità. Una personalità evidente a tutti sul set e chiaramente mal digerita da Stallone che, infatti, cominciò a fare le bizze.

L’attore americano pretese e ottenne di aggiungere scene e dialoghi, da lui stesso vergati, per aumentare e migliorare la sua presenza nel film. Lo script si appesantì di scene che mostravano, da una parte, i penosi tentativi del protagonista di riconquistare l’ex moglie e, dall’altra, una violenza eccessiva per rendere Wulfgar ancora più inviso al pubblico e DaSilva più eroico.

I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981 | the 80s database
I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981

Stallone venne accontentato ed effettivamente queste scene vennero girate, ma la Universal in fase di montaggio diede ordine di tagliarle: da una parte perché il film sarebbe durato un’ora in più, dall’altra perché sarebbe diventato troppo violento, con Wulfgar che fa una carneficina in discoteca e, nella scena finale, si vede scaricare addosso 6 pallottole, una delle quali in piena faccia con tanto di cervello che schizza via.
Parte della scena è comunque rimasta nel montaggio definitivo, che infatti mostra un’evidente incongruenza tra i colpi sparati da Stallone – che sono solo due – e le ferite sul corpo di Hauer, dovute proprio ai tagli effettuati per evitare che la pellicola fosse messa al bando dall’Organizzazione americana dei produttori cinematografici (MPAA).

Stallone protestò violentemente con la Universal  e ottenne di montare una sua personale versione del film – che approfondiva la relazione tra DaSilva e l’ex-moglie – per confrontarla con quella ufficiale.
Entrambe vennero mostrate in una anteprima con un pubblico selezionato e la seconda, che mostrava molte più scene di Wulfgar (specie il suo rapporto con Shaka), ottenne molti più apprezzamenti.
Stallone, verde di rabbia, pretese e, ancora una volta, ottenne dalla Universal che venissero tagliate altre scene con Hauer.
Il risultato è il film che poi uscì nelle sale.

Vediamo ora qualche curiosità.

Il leggendario attore porno Jamie Gillies compare in un cameo.

I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981 | the 80s database
I Falchi della Notte | Nighthawks | Bruce Malmuth | 1981

Nella ormai mitica scena finale di cui abbiamo lungamente parlato Hauer ebbe un paio di infortuni di rilievo: una microcarica esplosiva, applicata alla sua maglia, fu montata nel verso sbagliato e gli procurò una bruciatura sul costato; poi, la corda per simulare meglio l’impatto della pallottola venne tirata talmente forte da danneggiargli la schiena. Quando scoprì che l’ordine di tirare con tutta la violenza possibile era partito da Stallone, Hauer andò su tutte le furie e solo l’intervento della crew evitò che la situazione degenerasse.

Stallone girò senza controfigura. Per sua stessa ammissione, la scena in cui viene trainato sulla funivia della Roosvelt Island, è stata la più paurosa della sua carriera.  Nessuno ci aveva mai provato prima e il rischio che il cavo si spezzasse era tutt’altro che remoto, e un volo da quell’altezza sarebbe stato fatale. Ai pochi che hanno dubbi sul coraggio di Stallone, farà bene sapere che qualche anno dopo, quello stesso cavo, a cui venne attaccato un sacco di sabbia del peso di soli 50kg per un controllo di routine, si spezzò.
I tagli interessarono anche la colonna sonora, composta dal compianto Keith Emerson: alcuni pezzi, tra cui Face to Face, fatta apposta per la scena finale, compaiono nell’album ma non sono presenti nel film. Peraltro, alcune versioni del film presentano tracce audio diverse nella scena della discoteca.

I Falchi della Notte costò circa 5 milioni di dollari e le critiche, all’epoca, furono in linea di massima positive. Al botteghino riscosse in tutto 20 milioni di dollari.

 

Fonti
I Falchi della Notte sull’IMDB
I Falchi della Notte su Birthsmovioesdeath.com