Solomon’s Key (Solomon No Kagi), Tecmo 1986

Solomon's Key tecmo 1986 - the 80s database
Solomon’s Key tecmo 1986 – the 80s database

Solomon’s Key è un videogioco sviluppato e distribuito dalla Tecmo nel 1986

Platform con elementi puzzle, il gioco è celebre, oltre che per la grafica e il gameplay innovativo, per essere uno fra i videogiochi più difficili da terminare.

 

 

 

Solomon's Key tecmo 1986 - the 80s database
Solomon’s Key tecmo 1986 – the 80s database

Quando il mondo era ancora dominato dal caos, gli spiriti maligni vagavano liberamente fino a quando il Re Salomone aveva scoperto una antico manoscritto, chiamato “Chiave di Salomone“, nel quale si descriveva il modo in cui i maligni erano stati intrappolati nella costellazione di Miya. Secoli dopo, un tale, per dimostrare la veridicità della leggenda, si mise alla ricerca del manoscritto riuscendo a entrare nella costellazione. Una volta trovato, però, commise l’errore di provare a rubarlo, causando la rottura dell’incantesimo e liberando gli spiriti maligni, liberi nuovamente di dominare il mondo, nuovamente nel Caos. Il Re delle fate Yutura incarica così lo stregone Dana di tornare nella costellazione Miya per ritrovare la chiave di Salomone, imprigionare nuovamente gli spiritelli malvagi e riportare il mondo alla luce.

Nei panni di Dana dovremo esplorare 50 stanze, 39 delle quali normali, 5 bonus e 6 nascoste prima di recuperare il leggendario manoscritto e porre fine al gioco.

Il nostro eroe, dotato della bacchetta magica d’ordinanza e col potere di lanciare fiamme di diversa potenza, dovrà combattere nemici che spuntano fuori dappertutto e illimitatamente, districarsi tra percorsi complessi, fare attenzione al countdown inesorabile e, soprattutto, cercare di non restare intrappolato. La bacchetta permette di far sparire o creare i blocchi di pietra sui quali camminare e di scoprire oggetti vari, dai gioielli che danno punti, alle ampolle che permettono di lanciare le fiamme, alle pergamene che permettono di accumulare più fiamme fino alle campane di bronzo e d’oro che liberano le fate imprigionate nei vari quadri e che permettono di raggiungere punteggi maggiori e stanze nascoste.

Solomon’s Key ebbe un discreto successo in sala giochi ma l’enorme difficoltà ne minò in parte la completa fruizione: fu invece un gran successo per home computer e console, in particolar modo per NES e Sega Master System, per cui uscì una versione destinata al solo mercato giapponese. Nel Sol Levante, il gioco è conosciuto col nome di Solomon No Kagi.

 

Fonti

Solomon’s Key su Wikipedia
Solomon’s Key su Gamefaq